Perdere peso in modo regolare e stabile
Perdere peso in modo regolare e stabile – Se volete migliorare il vostro fisico, sarà necessario innanzitutto migliorare il vostro atteggiamento mentale.

Le ricerche mostrano che quando si è insoddisfatti della propria immagine fisica, è più difficile perdere peso. Altri studi e la mia esperienza come terapeuta e consulente in psicologia dello sport confermano che ognuno di noi può imparare a sentirsi bene nel proprio corpo.

Il mio consiglio è: cominciate dalla testa, mantenete un andamento lento e regolare, concentratevi su ciò che vi piace del vostro corpo, cercate supporto sociale e fate attività fisica all’aperto.

ATTEGGIAMENTO MENTALE. La dieta è “attrattiva” perché offre una chiara e concreta linea di comportamento con azioni da fare e non fare. La strategia vincente sta nel comprendere ed accogliere l’effetto che fanno su di noi, a livello emotivo e cognitivo, la proibizione di alcuni cibi o delle loro quantità. Può avvenire che giunti a non mangiare più la lasagna vi troverete a sognarla; questo si chiama “Effetto rimbalzo” ed è l’altra faccia della Rinuncia, si verifica ogni volta che sopprimendo un desiderio/pensiero ne aumentiamo automaticamente l’indesiderata comparsa. In quel momento una parte di noi vuole dimagrire ed una altra parte di noi vuole la gratificazione del cibo.

Come uscirne ?  Attraverso delle piccole e brevi tappe che ci aiutino a comprendere che la forza di volontà nulla può se non ci alleiamo con la nostra parte interna, la nostra parte emotiva ed inconscia. Riconnetterci ed allinearci con il significato emotivo che il cibo ha per noi, nella nostra crescita e storia  personale ci fa capire perché siamo così in conflitto con noi stessi quando cerchiamo di dimagrire, soprattutto quando siamo costretti a farlo per preservare la nostra salute.

ANDAMENTO LENTO E REGOLARE. Mantenere un certo peso significa introdurre cambiamenti graduali e sostenibili nelle nostre abitudini alimentari. Un approccio lento e regolare permette un assestamento su una routine che rispetti il proprio ritmo in cambiamento, senza imporre troppi sforzi. Secondo molti studi sull’argomento introdurre alcuni semplici e graduali cambiamenti nel nostro quotidiano alimentare è il modo migliore per favorire una perdita di peso duratura. Gli studi dimostrano anche che coloro che hanno un ricaduta in riguadagno di peso, erano legati ad aspettative irrealistiche ed, aggiungo io, senza la consapevolezza interna del reale e sincero bisogno del cibo per se stessi.

CIO’ CHE CI PIACE DEL NOSTRO CORPO. In un esperimento condotto nel 2014, alcune persone in sovrappeso e con alcune problematiche legate alla gestione del cibo inserite in un percorso di comprensione per ridurre i propri sentimenti di vergogna ed aumentare l’autostima si sono dimostrati più inclini a modificare le proprie abitudini alimentari perché sono diventate più auto-compassionevoli e più amorevoli verso se stesse.

Concentrarci su ciò che amiamo di noi stessi e su obiettivi legati alla salute per noi anziché all’aspetto esteriore può sviluppare un atteggiamento mentale più salutare e migliorare l’immagine che abbiamo di noi stessi.

SUPPORTO SOCIALE ED ATTIVITA’ FISICA. Muoversi fa bene, ed anche in questo dobbiamo muoverci gradualmente e costantemente. Cimentarci in sforzi eccessivi provoca affaticamento fisico e mentale. Cerchiamo attività e gesti quotidiani che ci fanno muovere ed anche divertire, aumentando gradualmente il nostro stato di benessere.

Mantenere il peso è un obiettivo che si può raggiungere non per magia, ma con piccole costanti attività che con il tempo possiamo anche incrementare.

L’attività fisica all’aperto è un grande antistress e inoltre ci offre il supporto sociale di cui abbiamo bisogno quando stiamo cercando di perdere peso. Camminare in compagnia è un ottima soluzione, per esempio una attività di Mindful Walking può essere un suporto quando si inizia un percorso di dimagrimento e benessere psicofisico.